Tra narrativa e saggistica, gli autori ospiti del Cortona Mix Festival

Dal 03 / 07 / 2017 al 06 / 07 / 2017

Gli appunti di viaggio che scandiranno i cinque giorni della sesta edizione del Cortona Mix Festival da mercoledì 19 a domenica 23 luglio, portano la firma di alcuni tra gli autori di narrativa e saggistica più amati. Il Grand Tour nella narrativa prende il via mercoledì 19, quando il pubblico potrà incontrare Sveva Casati Modignani (ore 17.30, Centro Sant’Agostino) che, con Ranieri Polese, rievocherà l’Italia di fine anni Cinquanta al centro di Un battito d’ali (Mondadori Electa), per poi passare giovedì 20 al mondo semi-virtuale di oggi con Antonio Dikele Distefano (ore 17, Centro Sant’Agostino), protagonista nella community di scrittori Wattpad e su Facebook, impegnato insieme ad Alessandra Tedesco a spiegare perché Chi sta male non lo dice (Mondadori). A seguire Luca Barbareschi getterà uno sguardo al proprio passato con le rivelazioni e confessioni di Cercando segnali d'amore nell'universo (Mondadori) con Maurizio Bono (ore 18, Centro Sant’Agostino). Venerdì 21 Daniela Mattalia porterà al Festival (ore 11.30, Loggia del Teatro Signorelli) la delicata storia di fantasmi La perfezione non è di questo mondo (Feltrinelli), mentre in L’amore che mi resta (Einaudi) Michela Marzano racconterà (ore 17, Centro Sant’Agostino) la perdita insostenibile di una madre che sopravvive al suicidio di una figlia – a dialogare con le due autrici è Alessandra Tedesco. Sempre venerdì, con Biagio Goldstein Bolocan (ore 18, Centro Sant’Agostino) e il suo Il traduttore (Feltrinelli), insieme a Fausto Bertinotti, il pubblico si immergerà nella storia di un misterioso omicidio che prende spunto dalla pubblicazione de Il dottor Živago di Boris Pasternak. In serata, ecco Nicola Piovani che condividerà ricordi, aneddoti e curiosità con Giorgio Battistelli (ore 19, Centro Sant’Agostino). Il fine settimana di sapore letterario inizia sabato 22 alle 11.30 nella Loggia del Teatro Signorelli all’insegna di un focus sulla società contemporanea grazie a Federica Manzon, autrice di La nostalgia degli altri (Feltrinelli), che dialogherà con Alessandra Tedesco, mentre Caterina Soffici proporrà un viaggio indietro nel tempo, all’epoca della seconda guerra mondiale, con il suo romanzo storico Nessuno può fermarmi (Feltrinelli), del quale discuterà con Wlodek Goldkorn (ore 17.30, Centro Sant’Agostino). Domenica 23 sarà la volta di Elena Favilli (ore 11.30, Loggia del Teatro Signorelli) e le imperdibili Storie della buonanotte per bambine ribelli (Mondadori), commentate con Anna Cherubini, mentre nel pomeriggio si entrerà nel mondo noir: insieme a Diego De Silva (ore 17, Centro Sant’Agostino) e alle nuove avventure del suo famoso avvocato Vincenzo Malinconico in Divorziare con stile (Einaudi), e a Marcello Fois che condurrà il pubblico fino a un’area di sosta di Bolzano, dove inizia Del dirsi addio, pubblicato da Einaudi (ore 18, Centro Sant’Agostino, con Anna Cherubini). Infine, attesissimo al Cortona Mix Festival, arriverà una vera e propria leggenda della cultura contemporanea internazionale: alle 19 al Centro Sant’Agostino lo scrittore e drammaturgo britannico Hanif Kureishi dialogherà con Lorenzo Pavolini svelando al pubblico il suo ultimo romanzo Uno zero (Bompiani).

Il viaggio attraverso la saggistica inizia invece mercoledì 19 con Giuliano Volpe che svelerà le bellezze storiche e culturali del nostro Paese raccontate nel suo Un patrimonio italiano, insieme a Paolo Giulierini (ore 18.30, Centro Sant’Agostino) mentre giovedì 20 spazio a un mito del rock con Luca Garrò che tratteggerà L’artista caduto sulla Terra: il genio di David Bowie (ore 11.30, Loggia del Teatro Signorelli) e la giornata si conclude (ore 19, Centro Sant’Agostino) sul filo della riflessione storico-politica con Pietro Grasso che a partire dal suo Storie di sangue, amici e fantasmi (Feltrinelli) si confronterà con Paola Saluzzi, in occasione del venticinquesimo anniversario delle stragi di Capaci e via d’Amelio. Sabato 22 (ore 19, Centro Sant’Agostino), Marco d’Eramo spiegherà perché la nostra epoca può essere definita l’età del turismo, a partire dal suo Il selfie del mondo (Feltrinelli), insieme a Victoria de Grazia e Roberta Scorranese, mentre domenica 23 protagonista al Festival sarà la stessa città di Cortona, esplorata nella sua storia e ricchezza artistica da Gianni Brunacci, che con Albano Ricci presenterà (ore 10.30, Loggia del Teatro Signorelli) il volume Cortona e il suo territorio (Edifir Edizioni).


NEWS

SEGUICI SU: